igort
C'era la tradizione narrativa degli anni quaranta. i fumetti americani con i quali ero cresciuto, per esempio, ma anche l'idea di un approccio europeo, che aveva fatto passi da gigante e aveva portato il fumetto a diventare un linguaggio maturo. Erano gli anni ottanta e non ci si accontentava più di una concezione che voleva il fumetto come solo mezzo di intrattenimento. Io riflettevo molto sulle possibilità del linguaggio. Ricordo che mi interessava arrivare a racchiudere in un grande romanzo i frammenti, le schegge di quotidianità che questo universo tropicoso (il Parador) mi evocava.